lunedì 23 febbraio 2015

L’ESSENZIALE E’ INVISIBILE AGLI OCCHI

Sottotitolo: Cupcakes al cioccolato con nutella e fragole. SottoSottotitolo: partecipando ad una gara di torte originale e divertente promossa dall’associazione GolosaMente di Pistoia; associazione fondata tra gli altri dalla mia bravissima amica e collega Angela dello splendido blog Dolci Pasticci (visitatelo perchè ne vale la pena).



Il concorso era qualcosa di nuovo, simpatico ed originale dal titolo “C’era unaTorta” e, nonostante il mio pochissimo tempo, il fatto che non avendo ancora una casa mia e sopratutto la mia attrezzatura ho dovuto assai arrangiarmi, sono arrivata QUARTA (evvivaaaa!!!). L’idea della torta doveva essere presa da un libro, da un capoverso, da una frase di uno dei nostri libri preferiti. Dovevamo farci ispirare da un passo letterario e dare libero sfogo alla fantasia.



E così ho fatto. Non ho cercato un capoverso che parlasse di torte o di dolci, non ho cercato una ricetta in un libro, non ho cercato qualcosa di definito e semplice, perché non è questo quello che volevo. Io ho scelto una ispirazione di concetto, che forse poteva non essere molto capita ma che di certo mi ha divertito.

Quindi ho preso questa famosissima frase tratta dal Piccolo Principe di A. de Saint Exupery:  “Ecco il mio segreto. E’ molto semplice: non si vede bene che con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi” e ne ho fatto una torta, anzi un cupcake di morbidissimo cioccolato, con un cuore nascosto di nutella e fragole il mio ESSENZIALE. Sopra la decorazione, il non essenziale, il superfluo: un ricciolo di cream cheese buttercream alla nutella.



 Perché.. questa frase vuol dire tanto per me. Era la frase sulle mie bomboniere/bottiglie di vino il giorno del mio matrimonio ed è la frase che è tornata più volte ad illuminare il mio cuore e la mia vita. Questo libricino semplice, che ho riscoperto con il piccolo Leonardo, denso di significato e di magia è sempre stato presente tra le pagine del mio vivere.



Perché io sono stata spesso una volpe, addomesticata, amica, affezionata... ma il sogno è sempre quello di essere La Rosa. Ed è bello capire un giorno che la rosa, quella speciale, quelle messa sotto la campana di vetro, quella unica, quella annaffiata e cresciuta e amata sopra ogni altra rosa sono io.. almeno per il mio principe. Perché l’essenziale è davvero invisibile agli occhi…..

post signature

venerdì 20 febbraio 2015

PAVIMENTOOOOOO (Con diverse O di strascico)

Ebbene si Siori e siore, si annuncia con gioia e gaudio il termine della posa del PAVIMENTO. Questa è una tappa importante, adesso tutto sembra un po’ più fatto e finito. Ed è bastato un misero pavimento, due piastrelle incollate per terra…

Pavimento pulito ancora non stuccato

Anzi… scusate, altro che piastrelle, alla fine abbiamo scelto, nientepopodimeno che (rullo di tamburi) GRES PORCELLANATO EFFETTO LEGNO. <3 Che ne pensate?

Treverkhome Larice appena stuccato (con polverina sopra)

Secondo me è STUPENDO. E’ il gres porcellanato effetto legno di Marazzi Treverkhome colore Larice doppio formato: 120x15 e 120 x20. Opinioni? Pareri? Suggerimenti?

esempio di pavimento Treverkhome larice posato


Non saprei come definirlo se non supermegastupendissimo, vero?!? Certo mancherà il calore del legno, ma di inverno sarà compensato dal riscaldamento a pavimento! Non vedo l’ora di poterci camminare a piedi nudi.

Alice e il pavimento ... ♥

Per chi se lo fosse perso avevo valutato varie scelte pavimentali qui:  Legno o non legno...?

post signature

lunedì 16 febbraio 2015

UNA PARETE COLOR LAVAGNA

Ci siamo.. brrrr brivido ed emozione! Ci siamo quasi davvero. Tra poco iniziamo con qualche foto della desiderata e sospirata magione, con qualche sogno che si realizza e.. tutto sarà BELLISSIMO (si spera)!!!  Per ingannare l’attesa (?)vi parlo delle pareti nere nere, dove è possibile scrivere sopra come una lavagna, dette anche Chalkboard (inglese questo sconosciuto). 


Ecco, secondo me, sono una figata pazzesca.. e, naturalmente, noi ne avremo una! Dove? In cucina, proprio lì accanto al frigorifero americano, con buona pace del nostro imbianchino che mai ne aveva fatta una in vita sua…. Fino ad ora!


Ok è una tendenza ormai abbastanza diffusa, ma io posso dimostrare di essermi innamorata di loro fin da subito, quando nel gennaio 2011 a Roma in un ristorantino troppo carino l’ho vista per la prima volta e me ne sono innamorata.  E quindi LA FAREMO.


Dovrò solo studiarmi un po’ i modi per scriverci e decorarla … io ho la scrittura di una gallina spennata in effetti. Su internet si trovano tanti tanti tanti e poi tanti esempi e consigli per fare una bellissima Chalkboard.

E voi che ne pensate? Potete continuare a vivere senza una parete lavagna? Che figata pazzesca…. ^^

A presto!!! 
post signature

mercoledì 4 febbraio 2015

IL FRIGORIFERO AMERICANO

Io voglio il frigorifero americano. E mentre lo dico batto anche i piedi e stringo i pugni: Voglio il Frigorifero Americano, voglio il frigorifero americano, voglio il frigorifero americano. Adesso si chiamano Side by Side e.. sono bellissimi.



E cari. Molto cari. Soprattutto se volete avventurarvi sulle classi energetiche migliori tipo A+ o nelle marche più blasonate. Inutile dire che permetterseli è dura. Probabilmente dovremo spulciare su internet e accontentarsi di qualcosa di meno dei top di gamma, ma, speriamo, prodotti altrettanto validi.




Che ne pensate? I frigoriferi americani forse non sono il massimo in quanto ingombro e disposizione degli spazi, ma sono innegabilmente belli e di arredo. Come fare a farne a meno? Io non posso riuscirci e nella mia Ikea Nodsta che arriverà tra pochi pochi pochissssimi giorni ci sarà anche un frigorifero americano. Non di Ikea, ok, ma Samsung probabilmente.


Siamo solo in tre, ma ho intenzione di sfamare un esercito, ok? E non siate così materialisti da pensare: “Ma cosa te ne fai?” la risposta è “E’ bello… quindi lo voglio!”.

post signature

Potrebbero interessarti anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...